Home Attualità Anisakis: un problema estivo

Anisakis: un problema estivo

Durante l'estate cresce il consumo di pesce e crostacei. Per questo motivo, con la scarsa conservazione e utilizzo di questi alimenti, il anisakis. In questo articolo ti diremo tutti i dettagli e ti forniremo alcune linee guida su come evitarlo.

L'aspetto dell'anisakis

Durante i mesi estivi e il caldo che questi portano, abbiamo voglia di mangiare pesce. È possibile che questa tendenza ci porti a mantenerla in condizioni inadatte. Il anisakis È un parassita a forma di verme, lungo circa tre centimetri e spesso un millimetro. Queste larve si trovano incastonato nella cavità addominale del pesce.

Le specie più parassitate da questo verme sono nasello e palamita. Anche così, possiamo trovarlo in altri pesci come la coda di rospo o lo sgombro, tra gli altri. Secondo la Federazione spagnola dell'apparato digerente (FEAD), i pesci che mangiamo meno cotti, come le acciughe marinate o le sardine in scatola, sono Chi può farci del male di più?.

anisakis
Pesce affetto da anisakis. / Fonte: Wikipedia

Cosa fare per evitare di contrarre questo parassita

I sintomi di cui bisogna tener conto per sapere se siamo stati contagiati sono vari. I principali sono forti dolori addominali, segni di ostruzione intestinale e vomito. Altri meno comuni sono comparsa di reazioni allergiche, che si manifestano con lievi orticaria. Alla fine può causare una reazione anafilattica.

Per affrontare il anisakis, devi seguire alcune linee guida prima di consumare cibo. Il principale è eviscerare il prodotto, cioè pulirlo e rimuovere i visceri. Rimuoverai la maggior parte del parassita, ma non tutto. Il nemico di questo verme è la temperatura. La cottura del pesce, a bassa o alta temperatura, eliminerà il problema.

E se volete gustare un buon sushi, il congelato è fondamentale. Il modo più semplice è mantenere il pesce sotto i -20ºC per due giorni. E se il tuo congelatore è convenzionale, è consigliato estendere questo periodo di congelamento fino a sei giorni. Ora che lo sai, starai più attento quando consumi pesce e crostacei?

quota