Home Miel Apicoltura sostenibile: perché dovrebbe interessarsene?

Apicoltura sostenibile: perché dovrebbe interessarsene?

La apicoltura sostenibile È un'attività molto benefico para el ser umano it molti sensi. In primo luogo, consente ottenendo de materiale interessante. In secondo luogo, presuppone il creazione de mezzi di sussistenza. E, infine, è responsabile di un processo essenziale per il vita sulla Terra: la impollinazione di piante da fiore. Data l'importanza di questo lavoro, il Associazione Commercianti e Imballatori di Miele ASAMIEL-ANIMPA ha lanciato una campagna insieme al Unione Europea promuovere un consumo ragionevole di miele Vuoi saperne di più? Continua a leggere!

L'apicoltura sostenibile come mezzo di sussistenza

La sostenibilità della apicoltura È un fattore molto rilevante. Il azione impollinatrice delle api è responsabile del continuità al tempo di natura. Così come l'esistenza di 84% de specie vegetali. Ecco perché questo tipo di allevamento sfrutta le risorse naturali e restituisce i benefici ambientali al pianeta. E non solo, ma crea anche mezzi di sussistenza. Il apicoltura È un'attività che richiede: capitale umano, finanziario, naturale, sociale materiale.

apicoltura
Miele/Fonte: Pixabay

Nessun capitale richiesto finanziario molto alto all'inizio. Il materiale per realizzarlo possiamo fabbricarli con materiale che abbiamo a portata di mano. Il recursos naturales sono i api, piante da fiore y acqua. Le api sono risorse che si trovano liberamente in natura. Riguardo a capitale umano ci sono molti luoghi dove c'è grande conoscenza, usanze, tradizioni che si tramandano di generazione in generazione. Di solito sono tutti molto validi ed efficaci.

La apicoltura È un'opzione molto interessante modo di vivere delle persone. Consente alle famiglie di fare di meno vulnerabile contro la povertà. Nel seguente video possiamo vedere come quest'uomo da Panama costruisci il tuo proprio sistema di vita e il modo per guadagnarsi da vivere degno. Riceve, a poco a poco, l'aiuto di diversi governi e associazioni che vogliono promuovere a apicoltura sostenibile. Si precisa che il apicoltori Hanno un'ottima reputazione per loro lavoro costante e faticoso.

Famiglie millenarie

Famiglie millenarie è una campagna informativa promossa da ASAMIEL-ANIMPA (Associazione spagnola di commercianti e imballatori di miele) e il Unione Europea Il suo obiettivo è promuovere a consumo ragionevole de miele prodotto in Europa tra le famiglie di Spagna. Il consumo di miele in Spagna è attualmente in stallo. Una persona all'anno mangia 0,8 chili. Questa cifra è inferiore alla quantità consumata in paesi come Germania. 

Lo studio preparato dall'Istituto di ricerche di mercato e marketing strategico Ikerfel«Analisi del consumo di miele nelle giovani famiglie con bambini"Ha concluso che solo il 42% della popolazione spagnola consuma miele al menos una volta a settimana. A sua volta, il 59% della bambini spagnoli dal da 6 a 12 anni non consuma miele e a 14% lo fa ogni tanto. Per questo motivo, questi tipi di campagne lo sono vitale per riattivare il consumo di miele, non solo per i suoi benefici nutrizionali, ma anche per il importanza dell'apicoltura.

 

Ver esta publicación in Instagram

 

Un post condiviso da Agrárias Brasil (@agrariasbrasil)

Così, la Unione Europea ha difeso in molte occasioni e difende tuttora apicoltura sostenibile e, soprattutto, a api, vitale per il pianeta. Quindi, una serie di voi pesticidi che rappresentava una seria minaccia per il esistenza delle api. 

Quanto miele posso prendere al giorno?

Grazie al suo alto contenuto di zucchero, miele non può essere ingerito in grandi quantità. Nella sua composizione troviamo carboidrati (zuccheri semplici: fruttosio e glucosio), acqua, quantità molto piccole di proteine, vitamine, oligoelementi, enzimipolifenoli. Ecco perché il tuo qualità più notevole è l' dolcezza. La miele è un grande dolcificante naturale che può sostituire il zucchero fuso, più dannoso per la nostra salute. Comunque sempre con moderazione.

Non esiste un'assunzione giornaliera raccomandata per il miele in particolare, tuttavia, a causa del suo alto contenuto di zucchero, il miele dovrebbe essere consumato con moderazione. L'Organizzazione Mondiale della Sanità suggerisce che gli zuccheri liberi (ovvero tutti i monosaccaridi e i disaccaridi aggiunti agli alimenti dai produttori, dai cuochi o durante la cucina casalinga, più gli zuccheri naturalmente presenti nel miele, negli sciroppi e nei succhi di frutta) non rappresentino più del 10% del fabbisogno giornaliero di una persona assunzione di energia. EUFIC, Il Consiglio europeo per l'informazione alimentare

 

quota