La legge contro i rifiuti più vicina!

In Spagna si buttano via circa 1.364 tonnellate di cibo. La frase "il cibo non viene gettato via"? Sicuramente la tua famiglia te l'ha ripetuto più volte. Bene ora il Governo vuole farla legge. Per ora è un fattura. Ma il legge anti-spreco è più vicino che mai. Con l'obiettivo di rridurre gli sprechi alimentari e promuoverne l'uso. Volete sapere quali sono le nuove misure che verranno imposte? E quali sono le sanzioni per il mancato rispetto? Qui vi diciamo tutto.

Principi della legge

Al momento si tratta di un disegno di legge, ma il Consiglio dei ministri ha già approvato la prima lettura del Legge sulla prevenzione della perdita e degli sprechi alimentari. Questa legge contro lo spreco è progettato per ridurre la quantità di cibo che finisce nella spazzatura. Drasticamente. Inoltre, vuoi migliorarne l'uso.

Luis Planas, ministro dell'agricoltura, della pesca e dell'alimentazione, ha assicurato che "i sistemi agroalimentari devono essere sostenibili ed evolvere verso un'economia". Quindi si potrebbe rimediare tre problemi: la mancanza di risparmio economico, ambientale ed etica e morale.

manifesto contro la legge sui rifiuti

poster della legge contro lo spreco alimentare / fonte: account twitter di united we can

"Lanciare cibo è uno spreco dovuto al lavoro di agricoltori e allevatori, ai mezzi naturali utilizzati per produrli, al consumo di risorse come suolo o acqua e alle emissioni in atmosfera che ne vengono prodotte". Inoltre, più di 800 milioni di persone soffrono la fame nel mondo, secondo i dati FAO.

La legge

Questo è l' prima legge contro i rifiuti in Spagna. Con essa il Governo conferma il proprio impegno al rispetto della Obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) delAgenda 2030 delle Nazioni Unite. Conferma la necessità di ridurre gli sprechi di prodotto in tutte le parti della filiera produttiva e distributiva.

Lo spreco alimentare è un processo etico in cui la società, in generale, è la più colpita. Perché lo so i beni di prima necessità diventano più costosi; le risorse naturali sono sprecate; l'ambiente soffre molto; e maggiori prove di divari sociali in cui alcuni gettano cibo e altri muoiono di fame.

La legge stabilisce un protocollo di azioni lungo tutta la catena alimentare. Dalla raccolta alle abitudini di consumo nelle case e nel settore dell'ospitalità. Poiché questo problema è correlato a errori di pianificazione. Per questo motivo sono state stabilite diverse normative.

Priorità di utilizzo

Questa legge anti-spreco impone alle aziende di avere un piano di prevenzione. Riparazione gerarchia di priorità. Il primo è l'uso per il cibo umano. donando a banche del cibo o società senza scopo di lucro. Per questo devono abbonarsi convenzioni con le associazioni destinatarie. E questi devono raccogliere le condizioni di raccolta, conservazione, trasporto e selezione degli alimenti.

donazione di cibo

pasti donati da World Centar Kitchen alla fondazione madrina / fonte: utente instagram @ fundacionmadrina

Inoltre, il cibo donato deve avere un vita sufficientemente utile Conservazione. L'articolo 7 di questa nuova legge stabilisce che: «Sia le imprese agroalimentari che gli organismi di accoglienza sono obbligato a garantire la tracciabilità dei prodotti donati attraverso un sistema di entrata e uscita degli stessi”.

Nel secondo ordine di questo appaiono cibo invenduto, ma in condizioni di consumo ottimali. Questi devono essere trasformati, o in succhi o marmellate. Nel caso in cui non soddisfi questa caratteristica, deve essere utilizzato come mangime, industria o combustibile.

 

passivo

Gli agenti della catena alimentare dovranno assicurarsi di avere il strutture adeguate. Oltre a formare i propri lavoratori per adempiere alle loro funzioni di in modo ottimale che minimizzino le perdite. I prodotti con date di scadenza vicine verranno offerti separatamente e diversamente dagli altri.

Allo stesso modo, gli albergatori offriranno ai loro consumatori la possibilità di portare a casa ciò che non hanno consumato. E dovranno comunicarlo nella lettera. La vendita di prodotti stagionali, ecologici, ecosostenibili e all'ingrosso. C'è anche il possibilità di mettere in vendita prodotti la cui data di consumo è stata superata. Seguendo i criteri stabiliti dall'Unione Europea.

Tutti i partecipanti alla catena alimentare deve segnalare le perdite annualmente. Così come l'adempimento dei loro piani di previsione.

sanzioni

Sono stabiliti quattro tipi di reati gravi. Tutto legato alle donazioni di cibo. Punito con multe da 6 a 150.000 euro. Tra questi vi sono i reati di: impedimento alla donazione, mancata donazione delle eccedenze, pratiche igieniche scorrette o manipolazione degli alimenti da parte degli enti riceventi. Anche la discriminazione durante la loro distribuzione è motivo di sanzione. Crescente, in caso di recidiva fino a un milione di euro.

D'altra parte, sarebbe considerato non applicare la gerarchia penalità leggera. Come non segnalare perdite

cibo

fonte: pexels

Pertanto, la conclusione che traiamo è che questo nuovo legge anti-spreco busca trovare un bene comune. In cui si evita il cibo promuovere un buon processo di produzione e distribuzione.

 

quota