Home Attualità Misure nei supermercati a causa del coronavirus

Misure nei supermercati a causa del coronavirus

Finalmente sono arrivati. Dopo giorni autentici panico, confusione e folle dei clienti che sono usciti dalla quarantena per effettuare l'acquisto sono già stati implementati misure nei supermercati dal coronavirus. Molto necessario data la situazione eccezionale che stavano vivendo sia i dipendenti che gli altri consumatori spagnoli, che vanno dai limiti alla prevenzione. Mercadona, Carrefour, Alcampo, Lidl o Consum sono stati costretti ad agire di fronte al caos ogni giorno nei loro negozi in tutti gli angoli di Spagna. In questo articolo ti informiamo sulle decisioni che sono state prese, su come ti influenzano e su come puoi contribuire in modo responsabile.

La catena alimentare, essenziale in questa crisi

Prima di entrare nella questione che ci riguarda oggi, vale la pena ricordare la grande importanza che grandi e piccoli hanno acquisito negozi di alimentari Nel nostro Paese. Siamo in uno stato di allarme nazionale, cosa che ha portato al chiusura dell'intero canale HORECA (bar, ristoranti e altri esercizi non alimentari). In queste settimane che questa situazione senza precedenti dura per il COVID-19, il corretto funzionamento della catena alimentare è essenziale. Dopo le caotiche giornate 'viralizzate' sui social di clienti che comprano in abbondanza, senza buon senso né solidarietà, si apre una nuova porta. Quello che contempla da questo stesso lunedì 16 marzo una serie di misure nei supermercati a causa del coronavirus.

Frenare la curva si ma fermare il panico anche nello shopping. Perché i lavoratori devono essere protetti anche da possibili infezioni durante lo svolgimento del loro lavoro, che è più stressante in queste settimane. Poiché i clienti dovrebbero essere in grado di fare acquisti normalmente, niente litigi, niente folle, niente paura e sempre rispettando il misure igieniche. Il governo insiste per mantenere una calma che non si vede proprio negli stabilimenti di prima necessità, quelli aperti al pubblico. Siamo essenziale, così collabori anche per rendere loro tutto più facile.

comprare auto da supermercato
Un cliente con due carrelli pieni / Foto: EP

Quali misure sono state imposte nei supermercati?

Continuando con gli stessi dipendenti - che dovrebbero anche essere riconosciuti per il lavoro che stanno facendo in questo periodo di crisi sanitaria - sono stati costretti a prendere guanti e maschera. Oltre a mantenere il distanza minima di sicurezza di un metro rispetto ad altre persone. Perché? Il virus può essere trasmesso cibo? Qualsiasi persona infetta che inconsapevolmente entra in contatto con un prodotto, un'auto, uno scaffale o un'altra stanza in un negozio può lasciare particelle di Coronavirus. Secondo gli esperti, in materiali come rame e acciaio, il COVID-19 può restare quasi due ore. Su altre superfici come cartone o plastica, questo tempo è prolungato fino a dodici ore ianche. Pertanto, una volta effettuato l'acquisto, dovresti lavarti bene le mani.

Naturalmente, tra i file misure comuni nei supermercati a causa del coronavirus il disinfezione costante di tutto il materiale che può essere un mezzo di trasmissione. Inoltre, fornisce con maggiore slancio il guanti plastica usa e getta per la manipolazione di frutta e verdura alla rinfusa. Un'altra raccomandazione è non armeggiare i prodotti per poi rimetterli sui loro scaffali e si chiede anche di conservare i distanza di sicurezza nelle code. Riduzione dell'orario, limitazione di capacità di clienti (quelli che entrano attraverso quelli che stanno uscendo) o che vanno solo a comprare una persona (non in gruppi) sono altre indicazioni generali. Qui sotto puoi vedere cosa ha scattato Mercadona o Lidl.

Altre famose catene hanno seguito la sua prevenzioni e hanno agito sulla stessa linea, ecco i link a ciascuna delle azioni:

Scopri e rispetta tutti questi misure nei supermercati a causa del coronavirus. Anche la fine dell'epidemia è nelle tue mani. Sii responsabile.

quota