HomeOpinione

Opinione

Di recente ho parlato con uno dei migliori buongustai y buongustai Lo so, oltre ad essere una persona intelligente e sensibile, mi ha fatto riflettere. La conversazione ruotava intorno all'importanza delle emozioni nella degustazione di qualsiasi prodotto. Anche se praticamente stavamo parlando di prodotto gourmet, premium o di eccellenza Possiamo sicuramente trasferirlo su qualsiasi prodotto.

El frode alimentare è una cosa più comune di quanto pensiamo, non scopriamo nulla dicendolo. Forse bisognerebbe fare una distinzione tra le frodi stesse del picaresco e "minori" inganni. Anche delle normative legali che consentono ad alcuni settori di sfruttare la fama o nomenclature che confondono il consumatore nazionale o internazionale. Questi sono difficili da capire. Dobbiamo riconoscere che ciò accade, in misura maggiore o minore, in molte parti del mondo. Naturalmente, la serietà dipende in gran parte dal prestigio e il marchio del paese.

El pretesa di latte è ingiusto e inutile. Alcuni consumatori non se ne rendono conto. Forse non lo apprezzi. La verità è che molte catene di distribuzione usano i prodotti rivendicano come promozione. Questa vecchia strategia sta attualmente colpendo molti produttori molto duramente. In questo caso, quello che sta già raggiungendo un punto insostenibile è il settore lattiero-caseario. Tutto ciò mette a rischio questa attività zootecnica, in fase di riconversione da molti anni, con adeguamenti dei costi e miglioramenti della redditività e che ora ha toccato il fondo.

È scoppiata la polemica sulle dichiarazioni del ministro dei Consumi spagnolo Alberto Garzón sulla on consumo di carne. In esse esorta gli spagnoli a ridurlo ea tornare a una dieta più mediterranea. In realtà le dichiarazioni non aggiungono molto poiché queste raccomandazioni sono state fatte dal by OMS da alcuni anni e sono in ordine del giorno 2050 dell'attuale governo spagnolo.

Spagna e Portogallo hanno milioni di difensori di Maiale iberico, di a razza genuina legato alla penisola. In realtà, quasi tutti i suoi abitanti potrebbero soddisfare questa affermazione. Con l'orgoglio patrimoniale che rappresenta l'avere un animale antico, poco evoluto. Un animale che ci dà a prodotto unico di ottima qualità, che fa parte della sana dieta mediterranea e che ci costringe a diventarne i più forti ambasciatori e sostenitori. Ma lo stiamo davvero proteggendo?