Home Prosciutto e salsicce Nel nome del prosciutto iberico

Nel nome del prosciutto iberico

iberico

Molte le novità che compaiono sulla certificazione del Maiale iberico, sulla validità della regola e su chi dovrebbe gestirla. Così come gli interessi dell'industria per voler sfruttare appieno il marchio Iberico. Fino a che punto si è spinto questo desiderio di industrializzare un prodotto difficilmente "industrializzabile"?

Ma forse la cosa più grave è che questi eventi stanno peggiorando il Marchio iberico dentro e fuori Spagna. Portando così il consumatore alla confusione e alla massima sfiducia. Questo perché lo standard consente di utilizzare lo stesso Marchio iberico in animali geneticamente diversi. Con un'alimentazione diversa e metodi di allevamento o di stagionatura diversi.

Il marchio iberico in questo reportage tedesco

In questo articolo facciamo eco al rapporto pubblicato il 21 maggio sul quotidiano tedesco SUEDDEUTSCHE ZEITUNG e l'impatto che queste informazioni possono avere sul consumatore tedesco. Abbiamo parlato con alcune delle persone colpite dei danni che la norma sta causando. Oltre all'attuale impatto commerciale che sta avendo sui consumatori e distributori internazionali.

Nella relazione, il suo autore, Tommaso Urbano, dettaglia rigorosamente la normativa vigente in materia di Maiale iberico. Fare una revisione della loro educazione, razza, genetica e dieta. Di seguito ne forniamo alcuni estratti dall'articolo pubblicato.

“Regio Decreto 4/2014, che regola la produzione di Prosciutto iberico-, consente la commercializzazione di tutti i pezzi di prosciutto con la denominazione commerciale e razziale iberica. Anche se provengono da animali incrociati e prodotti in serie »

«Il regolamento stabilisce tre categorie in base alla purezza degli animali utilizzati negli incroci. 100% iberico, 75% iberico (incrocio di seconda generazione tra una femmina iberica e un maschio ibrido) e infine il 50% Iberico. Questo è il risultato della prima generazione di incroci tra una madre iberica e uno stallone Duroc »

I detrattori sostengono che la regolamentazione di Bruxelles riguardo alle rigorose procedure applicabili a tutti i suini ibridi. Inoltre, attraverso questa approvazione ufficiale, danneggiando chiaramente la razza e il marchio iberico. Dal momento che credono fermamente che il nome di una razza ufficialmente riconosciuta possa essere assegnato solo ad animali di quella razza pura.

"Non sono iberici geneticamente puri al 100%"

"Il meticciato della razza è stato legalizzato 16 anni fa, quindi i detrattori parlano che sta avvenendo e consente "frodi legali al consumatore"

"In altre parole, si stima che quattro quinti delle femmine classificate come iberico puro (4 su 5) vadano al libro genealogico attraverso la sezione ausiliaria e si ritiene che non siano geneticamente pure al 100%"

Attualmente circa 3 milioni di suini vengono macellati ogni anno e tutti sono ufficialmente registrati come iberici. Ma meno del 10% è geneticamente puro. Quindi i difensori dell'autentico prosciutto iberico sono indignati. Quando si controlla come oltre il 90% dei pezzi venduti come razza iberica non corrisponda a quello che dovrebbe essere il miglior prosciutto del mondo.

Prodotti chimici per sostituire gli acidi grassi nelle ghiande

Qui alla Università di Córdoba hanno scoperto che c'è una frode incessante e grave. Spiegano che il prosciutto di ghianda di alta qualità dovrebbe passare attraverso l'analisi molecolare. Quello che garantisce in modo affidabile la presenza degli acidi grassi autentici forniti dalla dieta a base di ghiande.

Se i parametri minimi non vengono rispettati, secondo questi esperti, il sigillo di qualità e garanzia "ghianda" non potrebbe essere utilizzato.

Ma i ricercatori delle aziende di mangimi per animali hanno sviluppato sostanze che imitano gli acidi grassi nelle ghiande. Queste sostanze chimiche sono incorporate nei mangimi per animali a basso costo.

Reazioni di due persone

L'articolo è stato il più letto nell'edizione digitale del quotidiano nel fine settimana successivo alla sua pubblicazione con il conseguente impatto sui social network. Diverse radio tedesche hanno mostrato interesse per l'argomento. Secondo il suo autore, ci sono state due reazioni: una di delusione e delusione, l'altra di accettazione. Almeno, nel contesto della crisi spagnola che sta creando un cambiamento nella percezione della reputazione spagnola che era tradizionalmente molto buona.

Riconoscendo che una singola pubblicazione non può avere un grande impatto sul consumatore tedesco. URBAN riconosce che il pubblico buongustaio chi spende soldi per un prodotto di ottima qualità ama esserne informato.

La posizione del Señorío de Montanera

Francisco Esparrago, manager dell'azienda Señorio de Montanera, intervistato anche dai citati media tedeschi, trasmesso a Grandi prodotti la tua preoccupazione per i danni e la confusione che ciò sta causando nel mercato giapponese.

“Nella carne iberica abbiamo perso il 50% delle vendite in Giappone, dove sono esagerate a causa della sfiducia e della confusione create. Questo arriverà al Ham tra un paio d'anni "

Chiesto del mercato Francia e Gran Bretagna, riconosce che, sebbene vi sia confusione, apprezzano di più la tracciabilità che la loro azienda offre loro.

Attualmente la normativa consente l'ingrasso di questo tipo di suino prima della macellazione in recinti boscati e con un maiale per ettaro. Ma autorizza anche la sua esca in appezzamenti con un carico di bestiame di cento animali per ettaro. Dove non c'è un solo filo d'erba e gli alberi sono morti.

Segun Espárrago, quest'ultima opzione produttiva “è perfetta per le grandi corporazioni industriali che distruggono grandi appezzamenti di terreno. Poiché questo tipo di ingrasso finale all'aperto viene effettuato con mangimi e in allevamenti che, in genere, non dispongono di reti fognarie. I liquami degli escrementi animali inquinano il suolo».

Altre opinioni dei produttori

Altri produttori commentano che, sebbene siano preoccupati per il problema, non hanno notato nulla di speciale nelle vendite. Né sono state chieste spiegazioni dai distributori internazionali. Ci parlano di alcune falsificazioni di etichette che riportano nei paesi europei e soprattutto in Cina.

D'altro canto, Juan Luis Ortiz Perez, segretario tecnico del Denominazione di Origine dei Produttori di Los Pedroches, insiste sul fatto che il problema principale è quello del controllo, come ha sottolineato il quotidiano tedesco.

“La classificazione della qualità del prosciutto È certificato da organismi di controllo privati. È pagato dagli stessi operatori e dalle grandi società industriali. Quelli che dominano la maggior parte del mercato »

Ortiz sottolinea che la norma è arrivata a risolvere un problema e questo lo ha ulteriormente aggravato.

Una delle loro affermazioni è che la certificazione dovrebbe essere nelle mani di enti statali. Giovanni Luigi Ortiz aggiungi nell'articolo:

"Questo sistema "opaco e incline alle frodi" favorisce le grandi società industriali che originariamente erano specializzate nell'allevamento di massa e nell'ingrasso di suini da camice bianco e che sono passate alla produzione di suini iberici incrociati in sistemi intensivi, perché offrono margini di profitto più elevati "

Come ci racconta Ortiz, la domanda è se sarà possibile recuperare il prestigio che si perde giorno dopo giorno nel mercato nazionale e internazionale. Quindi riportalo nel luogo in cui il nome del file Iberico.

quota